Wp/sdc/Nanni Loy

From Wikimedia Incubator
< Wp‎ | sdc
Wp > sdc > Nanni Loy

Nanni Loy (Castheddu, 23 di santuaini 1925 - Roma, 21 d'aòsthu 1995) è isthaddu un attori e un registha itarianu.

Nanni Loy, 1966

Biografia[edit | edit source]

Nanni Loy (1959)

Film[edit | edit source]

Tiberio Murgia, Audace colpo dei soliti ignoti, 1959
Nino Manfradi, Audace colpo dei soliti ignoti, 1959
Le quattro giornate di Napoli, 1962

Registha e sceneggiatori[edit | edit source]

- Parola di ladro, co-registha Gianni Puccini (1957)
- Il marito, co-regiastha Gianni Puccini (1958)
- Audace colpo dei soliti ignoti (1959)
- Un giorno da leoni (1961)
- Le quattro giornate di Napoli (1962)
- Made in Italy (1965)
- Il padre di famiglia (1967)
- Rosolino Paternò, soldato... (1970)
- Detenuto in attesa di giudizio (1971)
- Sistemo l'America e torno (1974)
- Signore e signori, buonanotte (1976)
- Macchina d'amore, episodiu di Basta che non si sappia in giro (1976)
- Italian Superman, episodiu di Quelle strane occasioni (1976)
- Café Express (1980)
- Testa o croce (1982)
- Mi manda Picone (1983)
- Amici miei - Atto III° (1985)
- Gioco di società - film TV (1989)
- Scugnizzi (1989)
- Pacco, doppio pacco e contropaccotto (1993)
- A che punto è la notte - miniserie TV (1984)

Attori[edit | edit source]

- Il bastardo della regina, episodiu di Le belle famiglie (1964)
- Guglielmo il dentone, episodiu de I complessi (1965)
- Lettera aperta a un giornale della sera, direttu da Francesco Maselli (1970)
- Marcovaldo, direttu da Giuseppe Bennati - Sceneggiatu televisivu (1970)
- Incensurato provata disonestà carriera assicurata cercasi, direttu da Marcello Baldi (1972)
- Tre tigri contro tre tigri, direttu da Sergio Corbucci e da Steno (1977)
- Racconti di fantascienza, direttu da Alessandro Blasetti - Miniserie TV (1979)
- La disubbidienza, direttu da Aldo Lado (1981)
- La vera vita di Antonio H., direttu da Enzo Monteleone (1994)

Nanni Loy e Fernando Morandi, Specchio Segreto, 1964

Liadduri[edit | edit source]

  • Film documentario « Nanni Loy, regista per caso »[1]